giovedì 30 maggio 2013

Manifesto Brut - La Menzogna

Manifesto Brut - La Menzogna
Museo Magma - ROCCAMONFINA (CE)
1 - 15 giugno 2013



BELGIO: Michaël Beauvent, Andrea Clanetti, Eric Legrain, Fred Michiels, Stefanie Krings, Benoit Piret e Luc Fierens.
ITALIA: Anna Colmayer, Max Coppeta, Elena Patrizia Dell'Andrea, Peppe Esposito, Mauro Kronstadiano Fiore, Rino Telaro, Pino Lauria, Angelo Riviello, Maya Pacifico, Roberto Scala e Rocco Sciaudone
GERMANIA: Bernd Keller
UCRAINA/USA: Irina Danilova


COMUNICATO STAMPA

Oggetto: Presentazione europea ufficiale del Manifesto Brut al Museo MAGMA

Sabato primo giugno 2013, alle ore 18:30, presso il Museo Civico MAGMA, sito nel Palazzo dei Congressi di Roccamonfina (CE), si terrà la presentazione del “Manifesto Brut”.
A presentare la mostra internazionale, oltre al fondatore del Manifesto, il M° Rino Telaro (noto artista casertano, residente in Belgio), ci saranno la dott.ssa Paola Zincone, Storico d'arte di Caserta, ed il critico d'arte Emiliano D'Angelo di Teano, il quale ha contribuito alla concettualizzazione del catalogo insieme ad Hugues Henry. 
Molte e significative sono le differenti, ma convergenti denunce socio - politiche in ambito europeo, grazie alla varietà dei Paesi d'origine degli artisti in Manifesto, rappresentate in diversi linguaggi e stili che vanno dalla pittura alla fotografia, dalla scultura alle installazioni e performance.

Il Direttore artistico del Museo, Paolo Feroce, a tal proposito, dice: sono entusiasta per la scelta dei responsabili del Manifesto Brut di aver voluto esporre, per la prima in Europa, nei nostri spazi espositivi dedicati al “Nuovo che avanza”. Avverto, ormai da qualche anno, la tendenza di presentare le grosse mostre internazionali, sia collettive, che personali, non più nei grandi centri urbani, ma in realtà come la nostra che definisco “Luoghi dello Spirito”, al di fuori dei soliti provincialismi. Tendenza testimoniata anche dalle prossime mostre che ospiteremo nella nostra location. Intanto, grazie a questo evento, ho avuto il piacere di poter conoscere la ricerca di molti artisti europei, tutti di ottimo spessore tecnico - concettuale. Alcuni di essi, posso già confermarlo, rientreranno nelle Collezioni MAGMA.

Ad esporre noti maestri e artisti italiani, belgi, ucraini e tedeschi quali Bernd Keller Michaël Beauvent, Andrea Clanetti, Eric Legrain, Fred Michiels, Stefanie Krings, Benoit Piret e Luc Fierens, Irina Danilova, Anna Colmayer, Max Coppeta, Elena Patrizia Dell'Andrea, Peppe Esposito, Mauro Kronstadiano Fiore, Rino Telaro, Pino Lauria, Angelo Riviello, Maya Pacifico, Roberto Scala e Rocco Sciaudone. 

Saranno visibili, contemporaneamente al Manifesto Brut, anche le collezioni permanenti. La mostra resterà aperta al pubblico, con entrata gratis, fino al 15 giugno 2013.



Allestimento al Museo Magma (Irina Danilova - Rino Telaro - Paolo Feroce)

IL MAGMA DI ROCCAMONFINA COPRE LA “MENZOGNA”
Quest’anno in controtendenza con la crisi generale si è avuto un notevole fermento nel campo artistico, in quest’ambito si è inserito il vernissage “La Menzogna”, al Museo Magma in via Roma a Roccamonfina.
In un momento in cui l’artista è costretto spesso a fare i conti con compromessi per ottenere uno spazio espositivo, nella speranza che il  suo prodotto possa incontrare il gusto e il desiderio dell’acquirente, entrando così a far della spirale che “graffia” l’arte nel suo passaggio nell’ingranaggio. Certo questo è l’aspetto che evidenzia il lato peggiore del sistema, in cui i liberi impulsi si conformano alle richieste del mercato.
Il Manifesto Brut si contrappone a questo “schiacciamento”, certo che le cose possano e debbano cambiare e ci prova, attraverso coloro che si esprimono liberamente incuranti delle regole di mercato, ci provano per non accettare una costrizione in cui s’ingabbia l’estro o si accetta di essere  dimissionari rispetto ad un mandato naturale.
In realtà la condivisione e l’amore per l’arte è stato superato dall’individualismo e dalla competizione. Sempre di più si manipola ogni espressione, mortificando la purezza dell’espressività e l ‘immediatezza  della  forma.
Il Manifesto, annuncia la nascita di un movimento, il Movimento Brut ( il ritorno alle origini ) alla possibilità di fare cio’ che si è e, di essere cio’ che si produce.
Il Manifesto Brut si prefigge tre obiettivi: l’indipendenza e libertà dell’artista; lottare contro l’avanzata di un mercato dittatoriale; rendere gli spazi espositivi democratici; contrastare la menzogna; e privilegiarne la condivisione.
Del testo critico si è occupato Emiliano D’Angelo e l’intervento sulla Menzogna è stato di Hugues Henry.
Curatori: Rino Telaro e Michael Beauvent.
Tra gli artisti che hanno esposto: Michael Beauvent, Elena Patrizia dell’Andrea, Mauro Kronstadiano, Benoit Piret, Andrea Clanetti, Peppe Esposito, Pino Lauria, Angelo Riviello, Anna Colmayer, Luc Fierens, Eric Legrain, Roberto Scala, max Coppeta, Bernd Keller, Fred Michiels, Irina Danilova, Stefanie Krings, Maya Pacifico, Rocco Sciaudone, Rino Telaro.
Noi crediamo che questo Manifesto sia più che un tentativo di ritornare alla cultura dell’Arte, quello che nello spirito del pittore, come del poeta, non accetta correzioni,  perché ha l’identità dell’animo libero che si muove per mezzo di colori e forme o, pensieri.
Il futuro dell’Arte è nella speranza di vernissage come quella di Roccamonfina.
A tutti va il ringraziamento non solo di quanti amano l’Arte ma di quella parte di umanità che riconosce il valore dell’ autenticità dell’espressione come unica forma d’Arte.
Arte libera, incondizionata, che si colloca in uno straordinario progetto internazionale quello del Manifesto Brut, che avrà pari, nel momento in cui ritornerà con la sua carica di verità e di purezza, al prossimo appuntamento.

 Brunella Postiglione, 2013
da: www.donnafashionnews.it

http://www.manifestobrut.org/exhibition/category/7-museo-magma?start=51

http://www.youtube.com/watch?v=dfDfKH8-32Q

Nessun commento:

Daily Calendar

Visualizzazioni totali

Lettori fissi

Informazioni personali