lunedì 26 settembre 2016

Donato Vitiello (1949 - 2015)

Donato Vitiello (1949 - 2015) , pittore mistico-concettuale post figurativo, teorico, stratega, uno dei leader e protagonisti fondamentali,  in quella situazione del 1985 (trasformazione in Opera d'Arte della "Chiena" del fiume Tenza, e la nascita di un Museo di Etno-Antropologia e d'Arte Contemporanea), facendo da stimolo agli altri componenti più giovani del gruppo, con laboratorio in sito, alloggiando nell'ex convento dei Frati Domenicani di San Bartolomeo della Città di Campagna, che fu anche di Giordano Bruno di Nola, dove compì il noviziato e celebrò la prima messa.

Donato davanti ad una chiesetta abbandonata,
 nel territorio di Dolcedo (Imperia)
Foto di Stefano Pizzo

Nel suo studio di Casa degli Angeli a Vettica  di Praiano (SA) -
Costiera Amalfitana - Anni 80



A distanza di un anno dalla sua scomparsa.
Da ImperiaPost.it leggiamo:

Mostra a Dolcedo, maggio 2015
Dolcedo. Anastasia Vitello apre le porte della propria casa, in via De Amicis 42 con un allestimento di pezzi del padre Donato Vitiello fino al 22 maggio:“Con inmenso piacere vi invito ad un evento molto speciale, dove apriro le porte della casa/studio di mio padre l´artista Donato Vitiello. 
Sará un occasione unica per entrare nell´universo magico che Donato ha creato nel suo appartamento del fine 700.
Saranno esposte diverse installazioni, quadri, sculture, disegni, aquarelli e foto.
Sará anche proiettata un opera di Marco Belfiore e la presento con le sue parole;
“Un’intervista che Donato mi concesse di fargli nel 2012, proprio lì dove oggi sono rimaste le sue tracce; in quel video Donato si racconta e ci mostra la sua casa che negli anni è diventata una vera e propria opera d’arte”.
Come parte del evento ci sará la possibilitá di fare un passeggiata fino allo studio di Donato, dove si puó ancora vedere la facciata lavorata a pietra a secco.
Sulla terrazza vi offriró una bevanda accompagnata ad un pó di musica.”











La lettera aperta di Angelo Riviello, tratta dalla sua pagina di facebook, in data 23 novembre 2015, in occasione del trentennale della "Chiena", come da immagini preliminari:

Donato, in una di quelle serate indimenticabili, di quell'anno 1985, in cui si discuteva,
comodamente seduti.  in un angolo del chiostro, dell'ex convento dei Domenicani

Anche Donato Vitiello, in questo Libro/Catalogo,
bilingue (italiano/inglese, ha segnato una storia di valore universale, nell'anno 1985,
come una delle situazioni più significative, se non la più rivoluzionaria,

 di quegli anni 80, in Italia (e non solo, in quel contesto degli anni 80, dove a furoreggiare, erano, da un lato "Terrae Motus" di Lucio Amelio, e dall'altro la "Transavanguardia" di Achille Bonito Oliva, con occupazioni di ex fabbriche, da parte degli artisti, tra Roma, Napoli e Milano)

Angelo Riviello a Donato Vitiello
"Caro Donato.
Ti scrivo solo adesso...dopo che l'amico D'Avossa, da Milano, mi inviò un sms, nel darmi la notizia, a distanza di un mese (parlandoci poi al telefono)...In piena attività della solita confusione estiva, tra sospesi, recuperi e rivendicazioni...Non potevo e non volevo crederci... Siamo tutti appesi ad un filo.

Pensando a te in questi giorni, mi piace ricordarti così, come ritratto in questa foto (della Chiena 30°), scattata in un angolo del convento di San Bartolomeo a Campagna (la "Civitas"), che fu di Giordano Bruno (un luogo che tu hai amato quanto me, e forse più di me), in una sera d'estate, e in piena attività umana e artistica, mentre discutevi serenamente con altri amici. Sei stato tra quelli che hanno sempre stimolato un dibattito (unitamente a Sandro, Patrizia, Gutte, Giovannastella, Nicola...di cui sei stato, per me, una guida di riferimento, in quel mese di fermenti...e poi portasti anche Alan e Franca, due altri cari amici, in quella situazione a cui parteciparono, su invito, tanti bravi artisti, provenienti da ogni parte d'Italia, in quel "residence-laboratorio", atipico, in gran parte autogestito, "occupando l'ex convento", che ha lasciato il segno, sul territorio, e nelle coscienze dei cittadini accorti)...
Dopo la nostra conoscenza, in modo disteso, in una Positano fantastica degli anni 70, ci siamo rivisti con gioia nel 1985, nella città "invisibile" (Campagna), dopo la tragica scossa del sisma del 1980 (con l'anniversario che ricorre oggi, 23 novembre alle ore 19,45), uniti nel condividere un progetto a cui ti invitai, che è stata la salvaguardia e il recupero della Chiena del fiume Tenza, trasformata in Opera d'Arte a più mani. Una situazione, che inserita in quel contesto nazionale degli anni 80, dove vigeva l'humus di un mercato dell'arte, con il suo "ritorno all'ordine", è stata un'azione forte e coraggiosa, contro-tendenza, che ancora aspetta di essere riconosciuta, in quei siti, dove si decide cos'è e cosa non è "arte"...Come anche dall'istituzione locale (e me ne vergogno)...
Mentre a Napoli, dopo il sisma del 1980, ci furono i "mostri sacri" con "Terrae Motus", seguimmo noi giovani e giovanissimi (a soli 80 km di distanza), con modestia, e con pochi mezzi a disposizione, a dare conferma, in modo convinto e determinato, dicendo che in Arte, non può esistere "Avanguardia senza Tradizione"...nel coniugare, attraverso l'arte e la cultura del presente, la parola "ACQUA"...e soprattutto nella ricostruzione, ai tempi già iniziata.
Altri amici ci hanno salutato, in questi anni, da Genova, Antonio Porcelli, da Milano, Vito Sersale, dalla stessa mia città, Pompeo Ganelli, Angelo Giordano, Lino Iuorio, Nino Aiello, Giuseppe e Arturo Busillo, e per ultimo da Potenza, il caro amico Arcangelo Moles, un altro grande, tra quegli artisti che hanno dato un contributo determinante al nostro progetto "acqua"...E intanto ho perso anche mia madre, che era l'unica in famiglia che si preoccupava e mi sopportava, in quegli impegni estivi senza tregua, che richiedevano sempre uno sforzo fuori dall'ordinario, per mantenere vivo quel progetto, legato anche alla nascita del Museo-Laboratorio nell'ex Convento, a cui tu ci tenevi tanto, quanto me e tutti gli altri. Un Museo, che oggi si chiama "Luogo della Memoria"...Un luogo dalla memoria incompleta, perché manca ancora la "nostra presenza" (con le nostre idee).

Caro Donato, tu (promotore di tante iniziative), resterai, come altri, uno dei pilastri-protagonisti, che ha lasciato come amico e come uomo, e soprattutto come artista, un segno, nella nostra umile e dignitosa storia, legata alla deviazione delle acque del fiume Tenza: 'A CHIENA, recentemente riconosciuta, nel 2014, dal MiBac, come un evento di straordinaria bellezza (a distanza di 29 anni, da quella sera...al convento, in cui si dibatteva)...Ma a questo appuntamento del Mibac, manca ancora l'arte, malgrado l'esistenza del Libro/Catalogo che documenta tutta quell'operazione...Per questo che l'estate scorsa, abbiamo ricordato ai più, il trentennale del recupero e della trasformazione dell'evento fluviale (andato in disuso negli anni 70, con la scomparsa della cultura contadina), da nettezza urbana ad opera d'arte, grazie anche a te...Non ci fermeremo..andremo avanti, nel limite delle nostre forze e possibilità...per togliere dalla polvere, e riportare alla luce tutte quelle opere meravigliose, realizzate in sito in quegli anni, che ancora giacciono, in attesa, nell'ombra... (De Umbris Idearum)...
Dopo l'ultima volta, che ci siamo rivisti, a Dolcedo, unitamente all'amico D'Avossa (quando ho soggiornato per l'ultima vola a Milano), il desiderio di rivederti è stato sempre forte...Ma, per i soliti motivi contigenti, non è stato possibile...
Un caro abbraccio...PER SEMPRE!!!"
Angelo Riviello

1 commento:

Spazio Utopia ha detto...

Uno degli artisti che ha fatto da pilastro, a quella situazione del 1985...

Daily Calendar

Visualizzazioni totali

Lettori fissi

Informazioni personali