giovedì 16 ottobre 2014

Pilgrimage by Proxy: Paris Chapter

LULU LOLO’S SYMBOLIC JOURNEYS FOR PEOPLE—AN INVITATION FROM 

LULU LOLO







Pilgrimage by Proxy:  Homage to the Communards 
1871 and now 2014 in the Jardin du Luxembourg





Pilgrim: Fraser  Ottanelli:
Pilgrimage: Homage to the Communards
Date: October 14, 2014
Place: Jardin du Luxembourg
Pilgrimage Request: “Well since, I write about working people and their experiences my ‘histories’ do not usually end well. When I go to Paris I always try to give homage to those who fought for a better world. I would love a photograph of the plaque to the Communards executed in the Luxembourg garden. It’s on a wall by the large pond at the center of the park. It’s a small memorial and it’s good to get people there. Thank you for doing this for me.”
The Pilgrimage:  The search began as I walked past the 20 statues of the Queens of France—(thinking of how few statues to women there are in New York City).  I scanned the walls around the large pond in the center of the park, looking for the plaque.  As I walked, I thought of the past history of the park with people reading books and now all are intent on their laptops and cell phones.  Then there it was. I found the plaque! It marks the actual spot where thousands were executed against this wall. This moment of history, this plaque, goes unnoticed surrounded by people in chairs sunbathing, eating lunch, and in romantic interludes oblivious to the history of the past and also oblivious to our pilgrimage.
I stood there and marked the spot and saluted the Communards and you Fraser Ottanelli for your passion to honor history.
History of the Communards: When the Prussian Army advanced on Paris in the War of 1871, the French government and army retreated to Versailles. The citizens of Paris, especially the workers, the women, and all the lower classes formed the Paris Commune and banding together in a terrible bitter siege saved Paris and forced the Prussians to surrender.  When the French army and government returned to Paris, the Communards resisted their return to power. When the French army conquered the Communards, in what became known as “the bloody week”, thousands were executed without trial in the Luxembourg Gardens and at Père Lachaise Cemetery at what is known as the “Communards’ Wall  Mur des Fédérés”
 map of the Jardin du Luxembourg

Pilgrimage: Homage to the Apple for Aimee Tordoroff Part 1
Pilgrim: Aimee Todoroff
Date: October 19, 2014
Place: Verger Saint Paul, 97/99 Rue Saint Antoine, 75004
Pilgrimage Request: “I've always wanted to eat an apple in Paris. Could you do that for me? Crisp fresh slices or baked in a perfect pastry, it doesn't matter. Just as long as you get to taste an apple in Paris!” 

The Pilgrimage: Sometimes the simplest request becomes the most difficult—I wanted to honor Aimee’s request for an apple—but I was consumed with finding the perfect apple and the perfect apple tart—nothing seemed to measure up. I went to market place after market place and shop after shop—I wanted a beautiful display of apples that enticed me—to pick one.

And then it happened: in one of my favorite areas in Paris on the Rue Saint Antoine, a basket of apples beckoned and I took a bite! Success! the apple was delicious and juicy and one of the best I ever had. I had tasted an apple in Paris for Aimee.

I will be presenting Aimee with the bag that held my apple purchase.
http://www.aimeetodoroff.org/

LETTER:


Dear Parler Paris Reader,
LuLu in Paris - photo by by Christelle Das Neves
LuLu in Paris (photo by by Christelle Das Neves)
Actress and comedian (the Fabulous) Lulu LoLo and her husband, Dan, come to Paris often. Their dream to spend several months here came to a tragic halt this past year thanks to a series of family illnesses and issues that kept them closer to home -- New York City...but it didn't keep Lulu down. In fact, NOTHING keeps Lulu down that I know of.
She and Dan arrived in Paris this past week with five large purple suitcases filled with Lulu's eclectic wardrobe and a number of 'missions' -- or should I say 'pilgrimages?' In fact, that's become Lulu's "raison d'être" -- to do things and go places in Paris not for herself, but for other people! At brunch Sunday she showed us a list of about a dozen (or more) pilgrimages planned for her month in Paris.
Lulu is no ordinary actress/comedian, obviously. And to us, she's much more than that. She's a more-than-real person with a heart of gold, an amazing sense of humor, a streak of creativity to rival any great right brain and is a total pleasure to know. It's no wonder her friends and admirers ask her to do some pretty zany things on their behalf to which she wholeheartedly says, "Mais oui!"
In her own words, Lulu admits to "taking photos of the houses where the Brownings lived in Paris for an art historian lecture," "lighting a candle for someone at Notre Dame," "visiting a special grave at one of the cemeteries" and "bringing an author's book to a bookstore here." It's a rather unique service she provides -- one which is blossoming into a serious reason to be here, besides just the usual reasons to visit Paris.
LuLu LoLo Pilgrimage by ProxyPILGRIMAGE BY PROXY: Paris Chapter
LuLu LoLo’s Symbolic Journeys for People
"As I wander Paris, with each step you will be with me in spirit. I will walk in your shoes and a photo documentation will commemorate your “Pilgrimage By Proxy”:
* To a place you wish to revisit
* Or to a place you have never been
* Or I will perform an action you have always envisioned...You will be by my side in Paris.
Here's just a few of what's on LuLu's List just this trip:
* Visit where Jean Claude Vasseux lived with his family and the famous boulangerie nearby for the Kouglof in his memory.
* Go to the Eglise de la Sainte-Trinité for an organ concert.
* Bring a copy of “King Lear of the Taxi” to Shakespeare & Company.
* Hear the great Cavaillé-Coll Organ at Saint-Sulpice.
* Pick up fallen leaves (red and yellow), put them in a bag and scatter them in the wind from the middle of the Pont des Arts so that a swarm of leaves flies into the river.
* Take a photograph of the plaque to the Communards executed in the Luxembourg Gardens that's on a wall near the boating lake in the center.
* Visit the Café du Croissant where Jean Jaurès was assassinated.
* Visit Sajou for "Articles de mercerie de qualité fabriqués en France" at  47, rue du Caire 75002 Paris and purchase vintage boxes and cotton embroidery thread on cards,particulary the one with the Eiffel Tower.
* Visit my favorite Church -- Sainte-Chapelle and just walk around the interior and exterior for an hour.
* Eat an apple -- crisp fresh slices or baked in a perfect pastry, it doesn't matter.
* Visit the Théâtre des Automates at the Musée des Arts et Métiers.
 * Ride on a merry-go-round.
* Take a rock from beside the Statue of Liberty in Hawaii and place beside the Statue of Liberty in Paris.
* Walk fluidly through the Père Lachaise Cemetery wearing a very long handpainted scarf focusing on your solar plexus to place a stone near Isadora Duncan's tomb to honor her.
Lulu postcard Cafe - Pars, France* Go and see and sit in anything "impressionist"...the Musée d'Orsay...any cafe that is still open that used to be an impressionist hangout.
* Feed sparrows.
* Visit the Manufacture des Gobelins tapestry museum.
* Visit the Musée national du Moyen Age, formerly Musée de Cluny and find the Rose d'Or.  
* Visit the Basilique-Cathédrale de Saint-Denis, spend a few midday hours watching the subtle play of colored lights reflecting through the stained glass windows and on to the stone work.
* Eat a plate of raw mussels.
 * Go to a Gertrude Stein spot in Paris and write a power prayer.
* Take a pair of my shoes and walk in them. 
 * Have a glass of cognac in honor of Bill and sing "Everything is 
Coming up Roses."
And I love this one most of all...
* Walk from the Louvre to the Jeu de Paume collecting 24 fallen leaves from the ground, placing them in a ziplock bag. Take our 12 leaves from the bag and boil them until they become a mash. Spread the mash on the paws of the first lion sculpture you encounter in Paris. Transport the remaining 12 leaves to New York and I will collage them on a white archival museum board, dated and framed or otherwise kept in safe storage for a long long time thereafter.
LuLu may be booked up this trip, but if you have a pilgrimage you'd like done by proxy, perhaps for the next one (if it's interesting enough!), LuLu will grant you your wish!

Visit her Facebook page:
 https://www.facebook.com/ParisPilgrimage/timeline
or email: LuLu LoLo at fabulouslululolo@gmail.com.

A la prochaine...
Adrian Leeds, The Adrian Leeds GroupAdrian Leeds
Editor, Parler Paris & Director of The Adrian Leeds Group

n.b. Respond to Adrian
parler paris postmark150



LuLu LoLo’s Symbolic Journeys for People—an invitation. As I wander Paris, with each step you will be with me in spirit. I will walk in your shoes.
Biografia
LuLu LoLo is a New York based international performance artist, playwright/actor, and multidisciplinary artist. As a performance artist, symbolism, ritualism, memory, and myth, all contribute to the aesthetic spirit of LuLu’s art as seen in her performance as “Mother Cabrini, Saint of the Immigrants” in Campagna, Italy; and Paris, France, and when she appeared attired in top hat, white tie and tails as “The Gentleman of 14th Street” recreating the ritual of “tipping one’s hat as a sign of greeting” for Art in Odd Places: Ritual. LuLu recently performed as “The Gentleman/Mayor” at New York’s Flux Factory’s “Banquet for America”. 


LuLu combined her passion for research with performance art when she performed as “14th Street NewsBoy” attired in knickers and a cap for Art In Odd Places: Sign, New York City, hawking four weekly issues of the “14th Street Tribune” which she researched and wrote recalling the famous, notorious, and tumultuous events from the history of 14th Street. LuLu has also performed as “Dust Collecting Specialist”, in collaboration with the John Erickson Museum of Art (JEMA) collecting art museum dust in the major museums of Genoa, Italy; Paris, France; Belfast, Northern Ireland; and New York.

LuLu has written and performed seven one-person plays Off-Broadway highlighting her Italian immigrant family heritage, her passion for historical research and social justice especially as pertaining to the dramatic struggle of women in New York City’s past on such subjects as the Triangle Shirtwaist Factory fire; the lesbian lover of murder victim Kitty Genovese; the murder of Helen Jewett; women who fought in the Civil War disguised as men; and Aaron Burr’s tragic relationship with his daughter Theodosia Burr Alston. Her latest play portrayed the shameful treatment of the women consigned to the Magdalene Laundries in Ireland. A work in progress “Obits” a play based on lives revealed in obituaries was developed while LuLu was a Lower Manhattan Cultural Council Writer in Residence. Selected NY venues: New York International Fringe Festival, Metropolitan Playhouse, Wagner College, Hofstra University, StonyBrook University, Columbia University, and Columbus, Ohio National Gay and Lesbian Theatre Festival. Her work has been reviewed by The New York Times, Village Voice,Nytheatre.com, Bill Kaiser: On the Purple Circuit”, and in “A Lived History under Scrutiny: Italian American Performance Art", by Joseph Sciorra in Teaching Italian American Literature, Film, and Popular Culture, The Modern Language Association of America, NY, 2010.

lunedì 13 ottobre 2014

ANTICIPAZIONI

"ANTICIPAZIONI"
(piccole/grandi opere)
25-10/4-11- 2014
Coordinamento Artistico di Elena P.Dell'Andrea

Sale Espositive Centro Culturale Galuppi
Via S. Mauro, 107
Burano - Venezia
Opening - Sabato 25 ottobre, ore 12
Orario Mostra: 14/18
tel. 349.101.74.12


L’artista è un sismografo in grado di registrare in anticipo le vibrazioni di piccole scosse, preludio di grandi sconvolgimenti. La parola chiave è il prefisso anti-, che ha dato origine al titolo Anticipazioni. Per Schopenauer “Nell’anticipazione (Antizipation) consiste l’ideale, essa è l’idea ed è qui che l’artista trova la forza di intuire la bellezza con tale chiarezza, da potercela rivelare quale non la vide mai.” Prendendo spunto da queste parole nasce questo momento di riflessione, che anticipa i temi caldi degli eventi della prossima stagione: nutrire il pianeta, energia per la vita, cibo, acqua e territorio. Approfondendo il tema, per Kant Antizipation è “ogni conoscenza mediante la quale io posso conoscere e stabilire a priori ciò che appartiene alla conoscenza sensibile”. Attraverso questa definizione possiamo ulteriormente ampliare il concetto di anticipazione, andando oltre i confini temporali del domani. Nella consapevolezza della difficoltà umana nel sospendere il giudizio su questa mostra e riflettere sulle cause, vi lascio con le parole di Nietzsche: “Pensiero fondamentale in tutti i nostri giudizi occorre prendere come norma l’avvenire, e non cercare dietro di noi le norme della nostra azione”.



Esposizione
Artisti:

Adua Martina Rosarno, Amedeo Fernandes, Thomas Scalco, Bernardo Pagliaro, Enrico Marcato, Elena P. Dell’Andrea, Rocco Sciaudone, Raffaele Vargas, Marco Rizzi.

Esposizione internazionale di Mail Art del Manifesto Brut
Artisti: 

Maya Pacifico, Eric Legrain, Rino Telaro, Michael Beauvent, Winny Tewes, Rocco Sciaudone, Elena P. Dell’Andrea, Roberto Scala, Irina Danilova, Roberta Filippi, Thomas Scalco, Peppe Esposito, Pino Lauria, Angelo Riviello, Anna Colmayer, Alfonso Caccavale.

  • Durante l’inaugurazione performance del duo Rosarno- Fernandes e intervento di Caterina Vianello su Il gusto dell’arte. La fragilità del confine tra cibo e opera artistica.
  • Contributi critici in catalogo: Emiliano D’Angelo, Caterina Vianello, Giuditta Smith
  • Coordinatrice dell’evento: Elena P. Dell’Andrea
  • L’evento è stato curato collettivamente dagli artisti partecipanti.
http://www.exibart.com/profilo/eventiV2.asp?idelemento=144290
http://www.artapartofculture.net/2014/10/25/anticipazioni-esposizione-internazionale-di-mail-art/

lunedì 29 settembre 2014

Lettera del Forum della Cultura di Salerno al sindaco De Luca a proposito della Biennale d'Arte Contemporanea



Arte e cultura a Salerno. Il Forum della Cultura di Salerno invia una lettera al Sindaco De Luca.

A Salerno si è costituito il FORUM DELLA CULTURA, libera associazione di intellettuali svincolata da qualsiasi rapporto con il mondo della politica. Cultura libera e svincolata da ogni potere politico e partitico, per una libera civiltà della conoscenza: questo è lo spirito che sembra improntare il gruppo dei soci fondatori della neo associazione. Uno dei primi atti è stato quello di chiedere al sindaco della città chiarimenti in merito alla “Biennale d’Arte di Salerno” che partirà a breve. In una lettera a De Luca i responsabili dell’associazione hanno chiaramente scritto che a Salerno vi è troppa improvvisazione nel campo della cultura, specie nel campo delle arti, ignorando la presenza dell’Università degli Studi e della Fondazione Menna, che per l’occasione sembrano non essere stata  coinvolte. Il tono della lettera è garbato, ma durissimo e fermo e si chiede a De Luca di voler dare una risposta chiara agli interrogativi. Di seguito il testo della lettera da cui ognuno può trarre le proprie opinioni in merito.

“Ill.mo Sindaco,
alcuni mesi or sono dagli schermi di Lira Tv lei ha espresso apprezzamento per il Piano Regolatore della Cultura, documento elaborato dal Forum Cultura Salerno presentato alla stampa il 15 maggio u,s. nella sede della Biblioteca Provinciale.
Il documento, sulla falsariga di quello prodotto da una analoga pubblica amministrazione, introduce alcune regole per l’organizzazione della cultura, per l’accesso degli operatori, per la trasparenza della pubblica spesa, per la regolamentazione degli spazi, individuando la necessità di procedure a evidenza pubblica, nel rispetto delle normative vigenti.
Rileviamo invece che a tutt’oggi il Comune di Salerno, da lei descritto come modello evoluto ed europeo, non dispone di alcuna regolamentazione al proposito; né esistono altri strumenti di partecipazione popolare come previsto dalla normativa statutaria (Art. 34/38 Statuto Comunale); e che permane, a norma dell’art.12 della Legge n.241 dell’8/8/90, un Regolamento per la concessione dei contributi del Comune di Salerno datato al 1993 (Giunta Giordano) che in ogni caso prevede il principio del “valore culturale delle iniziative”.
In alcune sue recenti dichiarazioni, a proposito della manifestazione “Biennale d’arte contemporanea di Salerno”, lei ha dichiarato di voler trasformare tale manifestazione in un “evento permanente” e che il Comune vuole puntare “a realizzare un museo permanente di arte contemporanea” “per dare un’anima alle nostre comunità e per dare occasioni di lavoro e di vita per centinaia di giovani, di creativi, di studenti dei licei artistici, che possono contemporaneamente arricchire i nostri quartieri di opere d’arte e trovare occupazione in un momento così difficile”.
Tali auspici, certamente condivisibili, suscitano però particolare apprensione in quanto espressi a sostegno di una manifestazione locale che appare scarsamente supportata da una curatela qualificata e da criteri scientifici di selezione degli artisti, i quali sono invitati a partecipare mediante il pagamento di una quota di adesione; carenze che appaiono ancora più gravi se il nome della manifestazione vuole indicare non solo una cadenza temporale della rassegna, ma anche l’ambiziosa volontà di confrontarsi con analoghe manifestazioni nazionali e internazionali.
Appare incomprensibile che questo accada nella città di Filiberto Menna, dove il Comune sostiene da anni una Fondazione a tale personalità intitolata; sede di prestigiose Gallerie d’arte e di artisti di fama, con critici salernitani di indiscusso valore internazionale; senza il coinvolgimento né della Fondazione né del Dipartimento dell’Ateneo salernitano, dove le tracce del magistero di Menna sono ancora visibili grazie a tanti autorevoli studiosi.
Il Forum della Cultura, nell’esprimere viva preoccupazione per l’affermarsi di orientamenti che privilegiano dilettantismo e improvvisazione,
CHIEDE
in primo luogo che la cittadinanza sia informata sulle modalità di concessione della prestigiosa sede di Palazzo Fruscione sulla quale la Giunta Municipale, con proprio atto n. 449 del 6 dicembre 2013, ha emanato un avviso per acquisire manifestazioni di interesse e di cui si ignora l’esito;
in secondo luogo, se per l’utilizzo di tale spazio sia stato versato un canone di affitto e di quale importo, considerato che nel tariffario comunale di concessioni degli spazi non risulta Palazzo Fruscione.
Nel fare poi espressa richiesta di una celere introduzione di un aggiornato Regolamento per l’erogazione di contributi sulla base di requisiti specifici, trasparenti e misurabili, che premino la qualità culturale e artistica insieme alla qualità progettuale e alla capacità gestionale; nel fare richiesta di Istituzione della Consulta degli Operatori della Cultura, a norma dello Statuto comunale, il Forum
CHIEDE
che l’Assessorato alla Cultura del Comune di Salerno avvii un pubblico confronto, con il coinvolgimento degli operatori della città, sugli argomenti sollevati.
Distinti Saluti
Salerno, 26/09/2014 FORUM CULTURA SALERNO
Il Presidente
Luciana Libero
L’Associazione Forum della Cultura di Salerno, costituitasi in data 10/09/2014, è presieduta da Luciana Libero; ne è presidente onorario Vittorio Dini, vicepresidente Pino Vuolo; il Consiglio direttivo è composto da Massimo Adinolfi, Pino Vuolo, Marcello Ravveduto, Gianluca De Martino. Sono Soci fondatori del Forum Luciana Libero, Vittorio Dini, Sergio Vecchio, Marcello Ravveduto, Massimo Adinolfi, Antonello Mercurio, Enzo Rosco, Nicola Palma, Mario Tarallo, Piero Lucia, Alfonso Conte, Ernesto Scelza, Lello D’Anna, Pietro Ravallese, Anna Nisivoccia, Angelo Giubileo. Tra i soci Luigi Bisogno, Sara Martucciello, Rosalba De Vivo, Serena Caracciuolo; Ros De Vivo, Centro Studi Choice Onlus, Guglielmina Felici, Valentina Mustaro Teatro La Ribalta. Il gruppo Facebook Forum Cultura Salerno conta oltre 460 iscritti.

associazioneforumculturasalerno@pec.it

n.b. Fonte: e-mail ricevuta dall'Associazione FORUM DELLA CULTURA di Salerno

lunedì 11 agosto 2014

Il MiBACT riconosce la Chiena ('A Chiena a Campagna-Salerno) come un evento di straordinaria bellezza

 Il MiBACT insieme a "Buskers a Ferrara", la "Notte della Taranta" in Salento... ha riconosciuto la "Chiena -'A Chiena a Campagna" (Salerno), come un evento di straordinaria bellezza, di un'Italia che riserva sempre delle sorprese piacevoli per un turismo accorto e sostenibile..
Ce n'è voluto di tempo!!! dopo 32 anni (1982, con gli "Amici del Museo" e il "Circolo Pescatori Tenza"), nella tempestività del dopo-terremoto del 1980, da parte degli artisti e di quei pochi cittadini sensibili e lungimiranti...Gli anni volano..e l'Italia della burocrazia, se la prende con calma...Anzi, partiamo dal 1984 (30 anni prima, con il Teatro dei Dioscuri") e poi nel 1985 (29 anni prima, con artisti invitati dal sottoscritto, da ogni parte d'Italia), l'anno definitivo di decollo e della trasformazione, in "opera d'arte" e della spettacolarizzazione della "Chiena", con la produzione di un Libro/Catalogo, bilingue- Salerno - Ediz. Boccia - 1987 (una vera chicca).

p.s. C'è chi è "rock", e c'è chi è "lento" nel nostro bel paese.. Comunque, come dice il proverbio: "meglio tardi che mai"...

N.B. Ma tutto questo...GRAZIE ALL'ARTE!! Così bistrattata...così incompresa...che ancora aspetta al varco.




n.b. Si spera che in loco, si vada a completare un elemento importante come la "Fontana della Chiena", un'opera di Angelo Riviello, progettata nel 1982 (unitamente al recupero di un'usanza "dimenticata"), rimasta ancora "incompiuta" da quel lontano 1994 (anno della realizzazione)...sia nell'aspetto tecnico-idrico, che culturale con due citazioni (proposte ai tempi) di due personalità forti della nostra cultura meridionalistica e universale: Giordano Bruno e Carlo Levi...









venerdì 30 maggio 2014

'RICUCIAMO LA CITTÀ': FORUM PER LA CULTURA A SALERNO

'RICUCIAMO LA CITTÀ': FORUM PER LA CULTURA A SALERNO 

Incontro 15 maggio 2014 Biblioteca Provinciale di Salerno - Presentazione Piano Regolatore della Cultura

Si presenta il 15 maggio alle ore 10.00, alla Biblioteca Provinciale di Salerno il “Piano Regolatore per la Cultura Salerno” (“PRG Cultura”), promosso dal Forum della Cultura, gruppo autogestito di cittadinanza attiva, nato a dicembre 2013 e composto da giornalisti, operatori, artisti, editori, docenti e appassionati. Il “PRG Cultura” viene proposto in una città dove negli anni ’90 si è avviato un importante piano regolatore urbanistico di Oriol Bohigas solo in minima parte realizzato; segnata da controverse e imponenti opere firmate da archistar internazionali che hanno suscitato grandi contrasti; interventi che hanno portato la città all’attenzione nazionale come laboratorio di trasformazione urbanistica ma hanno lasciato la vita culturale al di fuori da corrette prassi contemporanee, tantomeno europee. Il “PRG Cultura” prende a prestito “regolamentazioni” comunali di altre città (in questo caso Cagliari) ispirate a buone pratiche di organizzazione della cultura, di destinazione degli spazi, di regole di trasparenza e buon governo. In essa si lanciano alcuni spunti come il Museo diffuso, il Laboratorio sul Paesaggio, il Polo Teatrale, la Città del Cinema, lo Spettacolo del Mare e altre proposte, per “Ricucire la città”, (secondo le teorie dell’antropologo francese Marc Augè)  su base culturale in un percorso che recuperi Memoria, Identità. Siti storici, Produzione  culturale e artistica e che valorizzi la bellezza architettonica e paesaggistica della città; la sua illustre tradizione della Scuola Medica Salernitana, gli antichi palazzi del Centro Storico, il rapporto privilegiato con il mare. Il PRG Cultura è stato messo on line con l’invito a produrre “ emendamenti”, proposte di modifica e suggerimenti; è un documento in progress integrato da numerosi contributi e verrà presentato al pubblico il 15 maggio per un ulteriore confronto e per  la più ampia partecipazione. L'evento sarà aperto dai saluti di Barbara Cussino (direzione Musei e Biblioteche Provinciali di Salerno) e interverranno Pino VuoloSergio Vecchio ("La cultura che c'era"), Tommaso Avagliano (Marlin Editore, collana "Filo spinato"), Pietro Ravallese ("Dalle periferie alla comunità"), Antonio Braca (Soprintendenza BSAE - "Quale futuro per i Beni Culturali a Salerno"), Franco Tozza (Memoria e Teatro a Salerno), Milva Carrozza (Associazione Artura "Vivere di cultura"),Gianluca De Martino (Legambiente - "Giovani e spazi sociali"), Valerio Falcone (Fornace Falcone - "Impresa per l'arte"), Angelo Riviello (Associazione Utopia Contemporary Art), Franco Forte (Oedipus Edizioni, Editoria e territorio), Raffaella Di Leo (Italia Nostra) e Nicolantonio Napoli (Casa Babylon, Pagani - "Spettacolo e napolicentrismo").
Dopo una breve pausa caffè è previsto un dibattito aperto con conclusioni affidate a Vittorio Dini. Coordinano Luciana Libero e Anna Nisivoccia.




La nostra proposta come Utopia Contemporary Art:

Angelo Riviello e Associazione Utopia Contemporary Art: BOZZA PER UN'IPOTESI PROGETTUALE DI UN MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA IN PROGRESS  "CITTA' DI SALERNO"

Angelo Riviello, artista : Un Museo per Ugo Marano aperto agli artisti (8 aprile)

Colgo l'occasione, per quanto concerne l'invito espresso nella bozza di questo PRG Cultura Salerno, di riportare una notizia di sei mesi fa, riguardante Ugo Marano, pubblicata sulla mia bacheca il 15 febbraio scorso:  "Tra le tante notizie di musei che chiudono, pare che se ne stia aprendo uno a Ferrara, dedicato all'amico artista salernitano di Cetara, Ugo Marano, uno degli artisti di quegli anni 70 ("Arte nel sociale"), invitati da Enrico Crispolti alla Biennale di Venezia in quella famosa edizione del 1976. Lui che dal territorio non ha mai voluto staccarsi per trasferirsi altrove, per scelta non solo di vita, ma artistica e culturale..."E' quì che devono venirci a trovare...", mi disse una volta d'estate sotto casa sua a Cetara, con quel mare meraviglioso che faceva da cornice...A me che abitualmente, ero quasi sempre su un treno di seconda classe, nell'andirivieni e nei soggiorni, tra un sud e un nord del paese (Milano), nel mio modo interdisciplinare di lavorare sull'Identità e Memoria...Potevo capirlo, certo, per la sua scelta "coraggiosa" nel restare, dando nuova linfa all'arte della ceramica e della terracotta, nella sua patria di "scuola vietrese" sulla Costiera Amalfitana, nell'essere insieme, come dice Daria Scarpitta nell'articolo, un "abile artigiano e un fine pensatore"...Mi chiedo, al di là delle recenti ed effimere "Luci d'artista", se bisogna ancora aspettare molto a Salerno per avere un museo dalle Istituzioni, non solo per Ugo Marano, ma per un'intera generazione che ha dato molto alla città di Salerno e al territorio tutto del salernitano e campano, un museo vivo che sia una base di partenza, per un percorso fino alle ultime generazioni...Eppure non sono mancati e non mancano (ancora oggi), personalità di quella famosa Scuola di Critica d'Arte di Salerno... Possibile che in detta città, si preferiscano solo i "presepi e le luci di Natale"???"...
Proposta di Associazione Utopia Conteporary Art
La storia di una città capoluogo come Salerno, si misura anche dal grado di conoscenza che l'arte può dare, attraverso i suoi artisti più rappresentativi e operatori culturali vari, nati e/o residenti in tale città e/o nel territorio salernitano ma anche artisti che hanno soggiornato e lavorato a Salerno e sul territorio, che nel tempo hanno operato e operano in Italia e all'estero, dando lustro alla città di Salerno e al territorio tutto, dei quali alcuni (attivi nell'arte visiva) hanno rappresentato l'Italia, partecipando ad alcune edizioni della Biennale di Venezia (vetrina internazionale per antonomasia dell'Arte Contemporanea).
Bozza Progettuale
Per un museo in progress, sulla falsa riga di Castel Sant'Elmo - Novecento a Napoli (1910-1980), si propone un Museo-Laboratorio che possa rappresentare e ricordare artisti nati a Salerno e provincia  attraverso le loro opere (ma anche disegni, documenti vari, lettere, oggetti, aneddoti, etc.), e operatori attivi nei vari campi dell'espressività artistica contemporanea, dal Teatro al Cinema, dalla Danza alla Musica, e sui loro rapporti con altri artisti e realtà regionali, nazionali e internazionali. Un Museo vivo, che sia una base di partenza per un percorso fino alle ultime generazioni. Un Museo, quindi, inteso non solo come "banca-dati" con un suo archivio specifico, ma anche come centro polifunzionale, attivo e propositivo, rivolto ad ampliare non solo il mondo dell'arte, ma anche il mondo della cultura in generale (con fototeca e biblioteca di storia dell'arte), e quello dello spettacolo, con un auditorium che accoglie convegni, concerti, rappresentazioni teatrali e cinematografiche.
Campagna, 02 maggio, 2014
Associazione culturale “Utopia Contemporary Art”
Il Presidente, arch. Santino Campagna
n.b. ovviamente a questa ipotesi di progetto, tutti sono invitati ad esprimere una loro opinione e a proporre eventuali modifiche, se si riterrà opportuno ed effettivamente utile per la città di Salerno capoluogo di provincia, con l’augurio che nella condivisione generale, diventi il progetto di tutti.
Associazione culturale “Utopia Contemporary Art”




Senza progetto c’è solo l’incultura. Il critico D’Avossa parla della sua città


Antonio D’Avossa è un altro di quei salernitani  che hanno avuto successo nel mondo ma rimasti legati alle proprie radici, alla propria città. Docente all’Accademia di Brera, curatore d’arte in mostre internazionali che ha presentato in importanti capitali, di recente è passato a Salerno per “The Drifting Clouds-Nuvole alla deriva” mostra di tre giovani artisti alla Galleria Verrengia.  Da anni D’avossa presenta artisti consolidati ed emergenti, come questi giovani giapponesi, ora sta lavorando ad un progetto per il padiglione svizzero dell’Expo di Milano, poi di nuovo nl Brasile dove nel 2012  ha  curato la mostra sui 50 anni di Fluxus per la Biennale internazionale di San Paolo. Con D’avossa discutiamo della città e di cultura.
- Qual è il tuo rapporto oggi con Salerno, una città da cui manchi da molti anni.
“Non è un buon rapporto, è una città che non mi ha dato molto, anzi diciamo che non mi ha mai dato nulla né riconosciuto. Ricevo molte chiamate per organizzare cose in varie parti del mondo ma non da Salerno, da cui sono andato via più di trenta anni fa ma con un rapporto affettivo ancora molto forte”.
-Quindi anche se ti chiamano da tutto il mondo, il silenzio di Salerno in qualche modo ferisce,  è il richiamo delle radici?
“E’ il desiderio che la città abbia una evoluzione verso un progetto culturale più ampio. E’ una città che non si è mai dotata di un progetto di ampio respiro fatto di luoghi, di siti, di idee; vi sono città piccole con importanti gallerie civiche, con progetti anche popolari affinché gli abitanti, i giovani, gli anziani possano essere educati ad una visione della contemporaneità che non riguarda solo l’arte ma che va dalla danza, al teatro, alle arti visive. A Salerno non vi è mai stato un progetto capace di produrre  una generazione abituata all’arte contemporanea”.
-Eppure non sono mancati artisti e personalità di rilievo, importanti critici come Bonito Oliva, la scuola fiorita intorno a Filiberto Menna; una città che ha avuto una sua storia culturale.




“E’ vero che Salerno ha avuto una storia  ma è anche vero che bisogna abbandonare questa nostalgia degli anni ’70; intanto perché siamo andati tutti fuori, non di testa,  ma fuori dalla città. Sicuramente vanno ricordati quegli anni ma vanno anche archiviati. Quando parlo di progetto,  parlo di progetto dell’oggi,  non di manifestazioni che non ci sono più, la rassegna di teatro o altro. Bisogna riprogettare la presenza culturale mentre tutto quello che ho visto in questi anni non è stato nulla. E’ come Saviano che chiede dove eravate,  mentre si sparava voi inauguravate le mostre, e Saviano lo dice rispetto a Napoli,  alla gestione della città da parte di Bassolino, una città che malgrado le contraddizioni, si è comunque dotata di strumenti, di spazi espositivi, delle stazioni metropolitane.  Io non vorrei confrontare Salerno con Napoli però Salerno è una città che potrebbe potenzialmente esprimere molto di più e quando c’è un fluire delle idee, in qualche modo cambia qualcosa”.
-          Non è chiedere troppo ad una città di provincia,  forse la politica delle grandi opere, della presunta “città europea” ha generato delle illusioni.
“Ma non dobbiamo rincorrere altre città, va creato un progetto ex novo, è sulla diversità che si può essere vincenti. Le nuove architetture che la caratterizzano e la caratterizzeranno ancora, sono state certamente un percorso interessante, ma questa architettura è la stessa che ha portato al Crescent.  D’accordo, quello che è successo in questi anni a Salerno ha in parte evitato situazioni di degrado ma poi si arriva al punto terminale che è il Crescent  il quale finirà come in Sudamerica, recintato e con la vigilanza armata”.
-          Qui a Salerno stiamo organizzando il Forum della Cultura, abbiamo elaborato un Piano Regolatore della Cultura  il quale attraversa le cose di cui stai parlando, la memoria, le arti,  la contemporaneità. E’ una iniziativa di cittadinanza attiva che vuole intervenire con un progetto per la città. Uno dei punti delicati è la spesa pubblica con  interventi discutibili come quello delle Luci di artista su cui vengono investite molte risorse, credo che tu conosca molto bene Le luci di artista di Torino.
“E’ molto bella l’idea del Piano regolatore perché significa pianificare dei progetti e darsi delle regole che è poi quello che è mancato a Salerno. Il problema non è il denaro pubblico ma il fatto che resti qualcosa di più ampio respiro. Mi fa ridere questa iniziativa delle Luci di Artista salernitane in confronto a Torino, Torino ha una Galleria Nazionale, il Castello di Rivoli, vi sono importanti Fondazioni, c’è un contesto con una storia importante che va dall’ arte povera ad altre linee di ricerca. Le Luci di artista di Torino nascono con un progetto dedicato all’arte; gli abitanti di Torino sanno che quell’intervento è arte contemporanea che si va a legare ad un particolare momento qual è il Natale , con delle opere che lavorano su un materiale che è la luce. A Salerno no. Mi è capitato di trovarmi nella città nel passaggio dal 30 novembre al primo dicembre, quelle sono luminarie, non hanno alcun segno di conservazione delle opere, si installano e vengono rimosse, non ci sono consulenti, allora quella spesa diventa uno spreco. Solo nelle prime edizioni delle cosiddette  “Luci di artista” c’è stato un prestito di opere, poi  l’intera progettualità è scaduta nella luminaria. E’ lo stesso discorso dell’architettura, se non c’è un progetto il punto terminale è il  Crescent, se non c’è un progetto il punto terminale è la luminaria. Hanno preso una formula  e ne hanno fatto un progetto cheap, scadente; qui non ci sono gli artisti, so che lo scorso anno hanno utilizzato due artisti locali che in realtà sono dei ceramisti e una spesa notevole per un’artista, la Borghi, con cifre analoghe si fanno grandi mostre, si comprano delle opere.”.
-          Ultimamente hai curato una importante esposizione per la Galleria Verrengia,
“Una Galleria che fa sforzi personali senza alcun aiuto da parte della città. Ed è questo che manca a Salerno, una Galleria Civica, un sistema di spazi pubblici. Bisogna dare un progetto alla città,  creare un sistema culturale, un contesto, come a Torino, dove abitanti e addetti ai lavori possano crescere insieme, perchè è  l’assenza di progetto che determina lo spreco,è  l’assenza di progetto che determina l’incultura. Mando un mio saluto al Forum della Cultura e  in particolare a Vittorio Dini, che considero un maestro e un caro amico ”.

n.b. Nella 1a Foto una immagine degli anni ’70, e nella 2a, una foto recente di Antonio D’Avossa in Brasile, per la Mostra sui 50 anni di Fluxus (adavossa@libero.it).

Daily Calendar

Visualizzazioni totali

Loading...

Lettori fissi

Informazioni personali